Nassim Soleimanpour

Nassim Soleimanpour (autore e performer) è uno scrittore iraniano di teatro multidisciplinare indipendente, famoso in tutto il mondo per la sua pluri-premiata opera White Rabbit Red Rabbit.
Il suo secondo lavoro BLANK ha ottenuto riconoscimenti nel Regno Unito, al Bush Theatre RADAR Festival nel 2015, è stato presentato ad Amsterdam e Utrecht, al Fringe Festival di Edimburgo, in Argentina, Australia e India.
I successivi lavori, incluso Blind Hamlet che è stato premiato al LIFT Festival nel 2014, sono stati presentati in tutto il Regno Unito, a Bucarest e Copenhagen. Nassim attualmente vive a Berlino e sta lavorando ad un nuovo progetto commissionato dal Teater Momentum (Danimarca) e per la piattaforma di audiolibri Audible.

Partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 2018 con NASSIM

Alberto Ricca

Alberto Ricca si diploma nel 2014 in Musica Elettronica presso il Conservatorio di Como, dopo una laurea in Linguaggi dei Media e il Master in Composizione al Centro Sperimentale di Cinematografa. Come Bienoise, nel dicembre 2015 pubblica l’album Meanwhile, Tomorrow per White Forest Records, considerato da molte riviste specializzate uno dei migliori album italiani dell’anno. Pubblica anche per Concrete Records e Bitcrusher. Dal 2015 è tra i protagonisti di The Italian New Wave, progetto di Club To Club Festival che promuove la nuova creatività musicale italiana su scala internazionale. Nel 2014 è stato scelto da Red Bull per rappresentare l’Italia alla Academy di Tokyo. E’ uno dei fondatori dell’etichetta e collettivo di musica improvvisata Floating Forest Records. Collabora, tra gli altri, con l’Istituto Europeo di Design di Milano per l’insegnamento delle tecniche produttive e performative della musica elettronica.

Partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 2018 con To be banned from Rome

MASBEDO

MASBEDO è un duo artistico nato nel 1999, composto da Nicolò Massazza e Iacopo Bedogni che indaga il tema dell’incomunicabilità e della relazione tra produzione di immagini e società della comunicazione. Questa ricerca sfocia nella realizzazione di video-performance, dal forte valore pittorico, in cui lo spettatore viene coinvolto nello spazio video e negli ambienti creati. Le opere di MASBEDO sono state ospitate in mostre collettive, festival e rassegne cinematografiche in importanti centri d’arte, tra cui il MARTa di Herford, il MADRE di Napoli, il CAC di Ginevra, il Martin Gropius Bau di Berlino, il 21er Haus di Vienna, Art Basel e Art Film Art Basel di Hong Kong, la GAM di Torino, i Rencontres Internationales di Parigi, Berlino e Madrid, le Giornate degli Autori della 69° e della 71° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, il Walter Reade Theater della Film Society of Lincoln Center di New York, il Copenhagen International Documentary Film Festival e il Reykjavik International Film Festival. Le performance sono state sostenute da Romaeuropa Festival, Centrale Fies e Tanzhaus Duesseldorf. Nel 2015 il duo lavora alla regia e alla realizzazione dell’impianto visivo per l’opera Il Flauto Magico di Mozart, prodotto dalla Fondazione Arena di Verona, e nel 2017 all’opera Re Ruggero di Karol Szymanowski, diretta da Antonio Pappano e prodotta dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma e da Romaeuropa Festival.

Partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 2018 con Prisma

Sina Saberi

Dopo aver lavorato all’Agenzia per i Rifugiati a Tehran, Sina Siberi si avvicina al teatro fisico con Jacques Lecoq e Laleh Alavi e alla danza contemporanea con Atefeh Tehrani.
Con un gruppo di giovani artisti fonda il collettivo MaHa con cui crea nel 2015 la performance No. 3, Teheran. Dall’incontro con Omar Rajeh, direttore di Maqamat Dance Theatre, nasce una collaborazione per la realizzazione di Zaafaran. Nel 2016 con MaHa organizza Body Movement, il primo festival ufficiale di danza in Iran.

Partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 2018 con Damnoosh

Francesco Marilungo

Francesco Marilungo, dopo gli studi in Ingegneria Termo-meccanica e un periodo di ricerca al Von Karman Institute di Bruxelles, frequenta l’Atelier di Teatrodanza presso la Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Dal 2010 viene a contatto con danzatori e coreografi di fama internazionale – Lisa Kraus ed Elena Demyanenko, Cristina Morganti, Julie Anne Stanzak, Juliana Neves e Quan Bui Ngoc, Cristina Rizzo, Masaki Iwana, Gabriela Carrizo e Yasmine Hugonnet. Prosegue la sua formazione come performer seguendo il percorso IFA – Inteatro Festival Academy, nel 2014 segue la Choreografc Research Week al festival B-motion di Bassano del Grappa.
Dal 2012 inizia una collaborazione con la Compagnia di Danza Enzo Cosimi ed è interprete in due suoi spettacoli: Calore Welcome to My World.
Partecipa con il suo primo assolo Emily al Concorso Internazionale di Danza Out d’autore Salicedoro (primo premio e Premio Armunia) e nel 2014 viene selezionato dalla rete Anticorpi XL con SiegfriedParadise viene presentato in anteprima al Danae Festival 2015 e selezionato dalla rete Anticorpi XL nel 2016. New Horizon, progetto sostenuto dalla rete europea Open Latitudes, debutta in prima assoluta al Danae Festival 2016.

Partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 2018 con Love Souvenir

Ibrahim Abdo

Ibrahim Abdo è regista, coreografo e danzatore con una laurea in Filosofia, lavora con il Cairo Contemporary Dance Centre, con il Music Theatre Group del Cairo e con numerose compagnie e artisti.

Partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 2018 con Green leaves are gone

Shady Abdelrahman

Shady Abdelrahman è un attore, danzatore e circense egiziano con una laurea in Sociologia e Antropologia. Ha lavorato al Cairo Contemporary Dance Centre e ha collaborato con numerose compagnie e artisti internazionali.

Partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 2018 con Green leaves are gone

Giovanna Rovedo

Giovanna Rovedo, danzatrice e antropologa, dopo essersi diplomata all’Accademia Nazionale di Danza di Roma, studia a New York City presso la Martha Graham Dance School e la Merce Cunningham Dance Company. Nel 2013 inizia il suo percorso autoriale.

Partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 2018 con Green leaves are gone

Tommaso Monza

Tommaso Monza si forma come scultore all’Accademia di Belle Arti di Brera, e si avvicina al teatro danza e alla danza contemporanea studiando e lavorando con Compagnia Abbondanza/Bertoni, Julien Hamilton, Roberto Castello, Ivan Wolf, Liat Waysbort, Loren Potter, Compagnia Ambra Senatore. Nel 2010 inizia un proprio percorso coreografico.

Partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 2018 con Green leaves are gone

Euripides Laskaridis & Osmosis Performing Arts Co

Euripide Laskaridis (regista, performer) affronta i temi del ridicolo e della trasformazione. Ha studiato recitazione nella principale scuola di recitazione di Atene Karolos Koun e regia (MFA) nel Brooklyn College di New York con una borsa di studio della Fondazione Onassis. Recita dal 1995, lavorando con registi come Dimitris Papaioannou e Robert Wilson. Ha iniziato a dirigere i propri lavori nel 2000, sia in scena che in altri cortometraggi pluripremiati. Nel 2009, ha fondato la OSMOSIS Performing Arts Co e ha presentato opere in vari teatri greci. Il primo lavoro solista della compagnia, RELIC, è arrivato alla lista Aerowaves 2015 e l’anno è stato aperto a Barcellona. Da allora è apparso in venti festival internazionali nel Regno Unito, in Francia, Austria, Italia, Finlandia, Irlanda, Israele, Slovenia, Svizzera ed è ancora in tournée. Il nuovo lavoro di Euripide TITANS è una coproduzione internazionale tra Grecia, Francia, Canada, Olanda e Portogallo. È stato presentato per la prima volta nel 2017 e prima di apparire al Théâtre de la Ville – Les Abbesses a novembre-dicembre 2017 è stato presentato a: Festival delle Colline Torinesi, Grec Festival de Barcelona e Julidans Amsterdam. Nel 2018 sarà presentato in vari festival internazionali. Nel 2016 a Euripide è stata assegnata una delle borse inaugurali Pina Bausch per trascorrere alcuni mesi insieme al regista e coreografo Lemi Ponifasio in Nuova Zelanda, Cile e Europa. Ad agosto 2017 Euripides è stato inserito nell’elenco Hoffnungsträger (Promissing Talent) della rivista tedesca «tanz» ed è stato anche onorato di diventare artista associato della principale organizzazione di residenza del Portogallo, O Espaço Do Tempo – Associação Cultural.

Partecipa a Inteatro Festival nell’edizione del 2018 con Titans e Relic